Superare la paura degli esami

Publié le 17 Settembre 2021

Hai mai avuto paura di essere valutato? Hai mai sentito un nodo allo stomaco, la gola annodata, le gambe tagliate o le mani sudate? Sei mai rimasto senza parole di fronte a un professore che sembrava un po 'duro o si sentiva oppresso? Hai mai perso i tuoi mezzi di fronte a una domanda, sentendoti bloccato o addirittura incapace? Hai mai temuto di trovarti a lottare, a non essere all'altezza o a fallire?

La paura è universale. È l'emozione che ci avverte del pericolo e ci protegge. Ma se gli dai troppo spazio, questa protezione si trasforma in un freno, un blocco e diventa soffocante. Può quindi spingerci in uno stato di paralisi mentale, blackout e farci fallire un esame nonostante la preparazione coscienziosa.

Quando siamo in preda alla paura, non possiamo più agire, siamo in modalità di reazione, in modalità sopravvivenza: la nostra amigdala, questa ghiandola situata nel nostro cervello limbico, cortocircuita la nostra corteccia (la parte del cervello che ci permette di pensare, analizzare, ecc…) e soffia il fischio! È il nostro sistema nervoso simpatico che poi prende il sopravvento mettendo in attesa la digestione, accelerando la nostra respirazione per un maggiore apporto di ossigeno e aumentando così il nostro tono muscolare. E, come un animale cacciato, non abbiamo altra scelta che fuggire, attaccare o, come ultima risorsa, giocare a morte.

Riportare la paura al suo giusto posto, quello di indicatore di pericolo, ci permette di riconquistare la nostra libertà – libertà di azione, libertà di pensiero, libertà di essere. Proprio come un conducente non si ferma quando vede un cartello che annuncia un pericolo (lavoro o caduta di pietre, per esempio), è possibile rimanere calmi quando si avvicina il momento della prova.

La pratica della sofrologia facilita la regolazione delle paure. Non garantisce il successo di un evento, ma ti permette di ritrovare fiducia nelle tue capacità e di essere nella migliore posizione possibile quando sarà il momento. Pertanto, siamo in grado di mettere tutte le possibilità dalla nostra parte per il successo di essere all'appuntamento.

Ecco un piccolo esercizio che, praticato regolarmente, permette di ritrovare rapidamente uno stato sereno: respirazione diaframmatica in pausa.

"Siediti comodamente e chiudi gli occhi… Senti i punti di contatto che il tuo corpo ha con la sedia, con il pavimento… Quindi fai 3 sospiri profondi e, ogni volta che espiri, lascia che il tuo corpo si depositi un po 'di più sul suo supporto. Se hai voglia di sbadigliare, goditi appieno questi grandi sbadigli … Quindi, rivolgete la vostra attenzione al vostro respiro, senza cercare di modificarlo… Osserva l'aria che entra e l'aria che esce… Osserva le parti del tuo corpo che si muovono durante l'inspirazione, poi l'espirazione… E metti la tua attenzione sulla fine di ogni espirazione… Scopri la piccola pausa respiratoria che si trova naturalmente alla fine di ogni espirazione, poco prima della prossima inspirazione… Concentrati su questa pausa respiratoria per qualche istante, senza forzare nulla…… Quindi, ritorna alla coscienza di tutto il tuo corpo. Chiediti: "Come mi sento adesso? » … E, mentre prendi il tempo necessario, riporta il tono nei tuoi piedi, nella metà inferiore del tuo corpo, nel tuo busto, nelle tue braccia. Puoi allungarti, sbadigliare e, quando ti senti pronto, aprire gli occhi lentamente".

Ti è piaciuto questo articolo allora… Condividi! Vuoi fare un commento, fare una domanda? Sarei lieto di rispondere. Interroghiamoci e scambiamoci per crescere ed evolvere insieme!

 

Stress da esame: in che modo muovere le spalle mi ha aiutato a superare il diploma di maturità?

Da adolescente, ero uno studente sobrio, un po' timido e, soprattutto, mi mancava la fiducia in me stesso. Ciò ha provocato la famosa ansia della pagina bianca. Anche se ho trascorso ore a lavorare, conoscendo le diverse materie insegnate e apparentemente essendo...

Lo stress ha fatto il suo ritorno di nuovo!

Tornati i bambini a scuola, il ritmo della vita cambia per tutta la famiglia, spesso con il ritorno di vari disturbi che si erano miracolosamente placati durante le vacanze: mal di testa, ruminazioni mentali, nodulo allo stomaco, sonno agitato ... Nonostante tutti i...

Studenti: come ritrovare la motivazione?

"Flemma!!! Non la motivazione'... Non voglio alzarmi dal divano oggi...Ti senti stanco, ti trascini, eppure hai un sacco di cose da fare!?! Studiare, soprattutto ai fini di sostenere un esame, richiede un investimento personale significativo. Se manca la...

IL SOPHRO, QUAL È IL PUNTO?

Spesso impegnato a rifare il passato, per lo più anticipando il futuro, durante il riempimento (o cercando di riempire!) diversi compiti che la vita di tutti i giorni ci richiede… Questo ti dice qualcosa?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mes derniers articles

Studenti: come ritrovare la motivazione?

Studenti: come ritrovare la motivazione?

"Flemma!!! Non la motivazione'... Non voglio alzarmi dal divano oggi...Ti senti stanco, ti trascini, eppure hai un sacco di cose da fare!?! Studiare, soprattutto ai fini di sostenere un esame, richiede un investimento personale significativo. Se manca la...

Lo stress ha fatto il suo ritorno di nuovo!

Lo stress ha fatto il suo ritorno di nuovo!

Tornati i bambini a scuola, il ritmo della vita cambia per tutta la famiglia, spesso con il ritorno di vari disturbi che si erano miracolosamente placati durante le vacanze: mal di testa, ruminazioni mentali, nodulo allo stomaco, sonno agitato ... Nonostante tutti i...

Share This